Tutti gli articoli di Admin

286^ Giornata di Carità

In provincia di Cuneo, doni di viveri al Santuario di Vicoforte, alle Suore Carmelitane di S. Teresa di Mondovì, alla parrocchia di Dogliani e a famiglie disagiate nell’85° anniversario della consegna alla Regina Elena della Rosa d’oro della Cristianità concessa da Papa Pio XI.

Torino per i bambini oncologici ucraini

Il 4 marzo, da Iasi (Romania), al confine con l’Ucraina, un aereo italiano del BasicGroup, presieduto dal Cavaliere del Lavoro Marco Boglione, ha prelevato dei bambini malati di cancro, con le loro famiglie, per curarli all’Ospedale infantile Regina Margherita. C’era anche un ragazzo di 17 anni, le cui condizioni erano apparse da subito gravissime, tanto che era stato ricoverato in rianimazione. Purtroppo, è deceduto a causa della progressione del tumore, già in fase terminale. Siamo vicini alla famiglia in questo momento di immenso dolore. Gli altri, dopo essere stati stabilizzati nei primi giorni, continuano le terapie. Un nuovo gruppo è stato prelevato dalla Regione Piemonte nello stesso posto e trasferito all’Ospedale infantile Regina Margherita. Auguriamo ai bambini ed ai ragazzi di proseguire al meglio la loro terapia e di guarire al più presto.

 

Ricordo

Avgustin Ivanovic Volosin, sacerdote greco-cattolico, eminente pedagogo, filologo, giornalista, uomo di profonda cultura, primo ministro e poi Presidente dell’Ucraina Carpatica, nacque il 17 marzo 1874. Nel 1892 entrò nel seminario diocesano poi perfezionò gli studi a Budapest. Nel 1896 si sposò con Irina Petrik ed il 22 marzo 1897 venne ordinato sacerdote. Dal 1917 al 1938 fu rettore del seminario minore di Užgorod. Fu deputato della Cecoslovacchia (1925-29). Durante l’autonomia dell’Ucraina carpatica, il 26 ottobre 1938 fu nominato Primo ministro. Quando la Germania occupò la Cechia, il 15 marzo 1939, la Slovacchia proclamò la sua sovranità ed il Presidente Vološin dichiarò l’Ucraina carpatica stato indipendente, diventandone il suo primo ed unico Presidente. L’esercito ungherese invase il territorio, così si interruppe la vita del nuovo Stato ed in Carpazia si stabilì il potere ungherese. Vološin emigrò a Praga, dove diresse la cattedra della libera    Università ucraina e nel 1945 ne fu nominato rettore. All’arrivo dell’Armata Rossa, il 14 maggio 1945, Padre Avgustin venne arrestato. Fu trasportato a Mosca, dove rimase per 52 giorni in prigione. Dopo molti interrogatori, torture fisiche e morali, Padre Avgustin Vološin morì per la fede in carcere il 19 luglio 1945.

Torino per i bambini oncologici ucraini

Nella memoria del Beato Umberto III il 4 marzo, da Iasi (Romania), al confine con l’Ucraina, un aereo italiano del BasicGroup, presieduto dal Cavaliere del Lavoro Marco Boglione, ha prelevato dei bambini malati di cancro, con le loro famiglie, per curarli all’Ospedale infantile Regina Margherita.

Auguriamo ai bambini ed ai ragazzi di proseguire al meglio la loro   terapia e di guarire al più presto.